Presentazione del Congresso

A causa dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus e la conseguente incertezza delle tempistiche per la ripresa degli eventi, abbiamo deciso di modificare il format del Congresso trasformandolo da residenziale a virtuale. In questo modo offriamo l’opportunità a tutti coloro che seguono questo progetto di non perdere l’edizione di Ancona 2020.

Sebbene l’inquadramento diagnostico delle malattie muscoloscheletriche si basi principalmente sulle manifestazioni cliniche, la rapida evoluzione della moderna diagnostica per immagini ha consentito di ottenere preziose e, spesso, insostituibili informazioni per un approfondito inquadramento clinico del paziente.

L’impiego di tecniche di imaging sensibili, quali l’ecografia, la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata ha fornito un contributo decisivo allo studio delle malattie muscoloscheletriche, sia attraverso la definizione del pattern di interessamento articolare, sia nella misura dell’attività della malattia e della progressione del danno anatomico. Un corretto impiego delle diverse metodiche, oggi disponibili, comporta la necessità di un’ampia base di conoscenze di tipo multidisciplinare ed una collaborazione stretta fra specialisti Reumatologi e Radiologi.

Questa edizione del congresso Reumaimaging avrà come focus le sindromi dolorose distrettuali del polso e della mano e quelle del ginocchio, la compromissione strutturale dell’osso in corso di reumatismi infiammatori e le manifestazioni extra-articolari che interessano il sistema nervoso centrale.

Le sindromi dolorose del polso e della mano e quelle del ginocchio sono un vasto insieme di condizioni cliniche eterogenee la cui diagnostica differenziale è complessa. Possono verificarsi come eventi isolati o essere secondarie ad altre malattie articolari infiammatorie, degenerative o a patologie neurologiche e/o infettive. L’inquadramento diagnostico deve, pertanto, tenere in considerazione tutti questi fattori ed il trattamento deve essere personalizzato.

La compromissione strutturale dell’osso in corso di reumatismi infiammatori è strettamente collegata all’attivazione del sistema immune e al processo infiammatorio associato. L’immunoflogosi è promossa da citochine infiammatorie (TNFα, IL-1, IL-6, IL-12, IL-17, IL-23,) e causa un danno osseo direttamente proporzionale alla durata, all’estensione e all’entità del processo infiammatorio.

Le complicanze/manifestazioni neurologiche osservabili in corso di malattie reumatiche rappresentano un tema di grande interesse e rilevanza, soprattutto per le possibili implicazioni di tipo prognostico e terapeutico.

Il corso prevede diverse sessioni dedicate ed è fortemente improntato al “know how” nella pratica clinica, con l’obiettivo di fornire al reumatologo gli strumenti essenziali per un corretto approccio alle principali malattie reumatiche. Anche il setting dell’evento è pensato per rendere interattive ed evidence-based le sessioni di lavoro confrontandosi su casi clinici interattivi, discussi in aula informatizzata.

Il programma prevede, inoltre, aggiornamenti sull’impiego di farmaci nell’artrite reumatoide e nelle spondiloartriti.
Il progetto REUMAIMAGING 2020 continua ad avere tutti i requisiti per essere vissuto in modo partecipato e tale da incrementare il bagaglio tecnico-scientifico dei Radiologi e dei Reumatologi che saranno coinvolti.

 

Fausto Salaffi

Evento realizzato con la sponsorizzazione non condizionante di